Gli occhi di Piero

14 ottobre 2016


Come Prometeo sottrasse il fuoco agli dei per farne dono agli uomini, Piero carpisce uno sguardo divino e lo incarna sui volti delle sue figure, siano angeli o guerrieri, santi o flagellatori. Occhi di porcellana diffondono una fissità che pervade ogni elemento: tutti i corpi perdono peso e temperatura; cronos arresta il suo moto e kairos placa ogni fervore. C’è la luce d’un dio nei paraggi, intangibile eppure palpabile. Gli occhi di Piero hanno visto troppe cose. Morirà cieco
.
© Graziano Spinosi

.post-shadow

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: