Lo specchio d’acqua

16 marzo 2005

SPECCHIO·D·ACQUA

Allunga il passo poi corre. Lo specchio d’acqua sotto il ponte riflette il suo profilo. Da quanto tempo non la incontravo. La ricordo nel cortile della scuola, smunta come un gatto, le braccia chiuse per il freddo. M’immergo adagio nell’acqua ferma. Sulla riva del fiume ci sono alcuni animali che saltano. Avanzo verso il branco. Saltano da fermi, sempre più in alto, rallentando la velocità dopo ogni slancio. Due cani bianchi m’invitano a raggiungere il gruppo. Esco dall’acqua e salto insieme a loro, in una vivace assenza di peso. I miei salti sono in sincronia con quelli di un asino dalla bassa statura, alla sommità di ogni salto ci scambiamo sorrisi d’allegria. Altri uomini e animali ci raggiungono, saltiamo tutti insieme, a corpo libero, calamitati dal cielo. D’improvviso un vento arresta il gioco. L’aria è divenuta troppo fredda, brucia la pelle, non si può più saltare. Mi sveglio deluso, ma il sogno è stato bello: nei sogni non esiste un tempo per ogni cosa, tutto accade nell’adesso. © Graziano Spinosi

.
post-shadow_thumb[2]

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: